Fertilità e linfomi


Alcuni trattamenti per la cura dei tumori possono causare sterilità reversibile o irreversibile. Per prevenire questo fenomeno, che riguarda sia la fertilità maschile sia quella femminile, vi sono alcuni provvedimenti che possono essere adottati prima dell’inizio delle cure.

Preservare la fertilità femminile in vista della terapia

Le strategie attualmente in uso per preservare la fertilità femminile in vista di un trattamento chemioterapico sono:

  • Protezione ovarica mediante farmaci analoghi all’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH): questa strategia riporta le donne fertili a uno stato ovarico simile a quello precedente la pubertà. Per diverse patologie si usano gli analoghi o gli agonisti del GnRH che hanno l’effetto di mettere completamente a riposo l’ovaio, sopprimendo l’ovulazione e tutti gli eventi che ne conseguono.
  • Congelamento degli ovociti: rappresenta un’importante strategia di preservazione della fertilità e può essere proposta a tutte le pazienti che hanno la possibilità di rinviare il trattamento chemioterapico di 2-3 settimane e che hanno una riserva ovarica adeguata.
  • Congelamento del tessuto ovarico: attraverso un piccolo intervento in laparoscopia vengono rimossi frammenti di corticale ovarica e criocongelati. Questo intervento è effettuato prima dell’esposizione agli agenti gonadotossici. Dopo la remissione della malattia si effettua l’autotrapianto della corticale ovarica per ripristinare la capacità riproduttiva.
  • Trasposizione ovarica: questa strategia può essere utilizzata nel caso in cui i trattamenti di radioterapia vadano ad interessare la zona delle ovaie e consiste nello “spostamento” momentaneo delle ovaie in altra posizione. Il successo di questa tecnica è piuttosto elevato.

Preservare la fertilità maschile in vista della terapia

Le strategie attualmente in uso per preservare la fertilità maschile in vista di un trattamento chemioterapico sono:

  • Criopreservazione del seme: tecnica dalla provata efficacia e semplicità. Consiste nella conservazione del seme in azoto liquido a -196° C. Questa tecnica non è utilizzabile nei bambini e in caso di malattia molto avanzata. Prevede la successiva fecondazione assistita con l’utilizzo del seme conservato.
  • Criopreservazione di tessuto testicolare: è possibile nei bambini e nei pazienti con scarsa conta spermatica. Tale tecnica è però ancora sperimentale.
  • Utilizzo di analoghi o antagonisti ormonali: di facile utilizzo ma dall’incerta efficacia clinica (non sono ancora stati effettuati studi controllati).

    EVENTI | MOSTRA TUTTO


    Mag
    11
    Evento ECM Linfomi dell’Anziano

    La Commissione Anziani della Fondazione Italiana Linfomi ONLUS organizza un evento formativo con ECM (10 crediti formativi). In una società come la nostra, che invecchia costantemente, e che vede incrementare...

    + INFO

    NOTIZIE | MOSTRA TUTTE


    FIL-Cantera 2017

    CONTINUA A LEGGERE

    Aiutaci nella ricerca
    contro i Linfomi

    Donare è semplice
    e sicuro con Paypal

    Copyright ©2017 Fondazione Italiana Linfomi ONLUS. Tutti i diritti riservati. – Privacy - Browsers Supportati - Credits